CONTATTACI
Italiano English
Rassegne Spettacoli
Il Patrimonio dell’Adriatico per il Domani

L'Italia e la Croazia hanno unito le forze per proteggere, gestire e valorizzare il ricco patrimonio naturale e culturale della costa adriatica rendendolo più accessibile ai turisti, soprattutto in questi tempi difficili.


INFO del PROGETTO

Progetto: Smart and Slow Tourism Supporting Adriatic Heritage for Tomorrow
Acronimo: TAKE IT SLOW
Project ID: 10255545
Programma: Interreg V-A Italy-Croatia CBC Programme
Durata: 01 June 2020 – 31 December 2022
Budget: 3.764.695,71 EUR
Finanziamenti: 85% dal Fondo europeo di sviluppo regionale
Lead Partner: Regione di Dubrovnik Neretva
Project Partners Istituzione pubblica RERA SD per il coordinamento e lo sviluppo della contea di Spalato-Dalmazia; Istituzione pubblica Agenzia di sviluppo della contea di Šibenik-KninUniversità di ZadarRegione dell'IstriaPromoTurismoFVG RegioneVenetoSviluppo Marche Srl - SVIM Srl Agenzia di Sviluppo Regionale Regione MoliseTeatro Pubblico Pugliese- Consorzio Regionale per le Arti e la Cultura
Assimilated partners: Regione Emilia-Romagna ; Regione Abruzzo   
Associated partner: Regione Puglia


IL PROGETTO

“Smart and Slow Tourism Supporting Adriatic Heritage for Tomorrow” (TAKE IT SLOW) è un progetto strategico dedicato al turismo in Italia e Croazia pensato per gestire e promuovere la regione adriatica come destinazione turistica transfrontaliera verde, intelligente, sostenibile, accessibile e lenta.

Il mare Adriatico è circondato da numerose piccole comunità nelle isole, nelle zone rurali costiere e interne il cui stile di vita è rimasto autentico, in armonia con l'ambiente e basato su conoscenze e competenze tradizionali.

Pertanto, sarà sviluppata una gestione delle destinazioni di micro turismo facilmente applicabile per stimolare le comunità locali nell'affrontare l'impatto dell'industria turistica e allo stesso tempo proteggere e promuovere il ricco patrimonio naturale e culturale.

Il cuore del progetto è il partenariato transfrontaliero proveniente dal settore privato, pubblico e scientifico e il sostegno congiunto all'eccellenza e all'innovazione nella catena del valore turistico basata sul concetto di specializzazione intelligente.

L'ispirazione è tratta dai complessi rinascimentali del monastero adriatico, autosufficiente, sostenibile, verde e intelligente che hanno prosperato nelle scoperte scientifiche, nella produzione alimentare, nel commercio e nell'arte. Un esempio è l’Eremo di Blaca del XVI secolo sull'isola di Brač perfettamente incastonato nelle grotte carsiche e nella valle con un centro astronomico, un'ampia biblioteca, vigneti, ecc. inserito nella lista provvisoria del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Nell'ambito del progetto TAKE IT SLOW, l'accessibilità all’Eremo di Blaca sarà migliorata insieme ad altri 6 siti storici in Croazia e in Italia.

Inoltre, saranno promossi 10 siti del patrimonio culturale e naturale: nella città storica di Ston (anche lei nella lista provvisoria del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO), sarà istituito il Centro di Interpretazione del Patrimonio Adriatico.

Al centro dell'interpretazione c’è la gastronomia come settore presente in tutte le nicchie turistiche e ideale per la presentazione del patrimonio naturale e culturale tangibile e immateriale.

Inoltre, "la dieta mediterranea enfatizza i valori dell'ospitalità, della vicinanza, del dialogo interculturale e della creatività, e di uno stile di vita guidato dal rispetto della diversità. Svolge un ruolo vitale negli spazi culturali, nelle feste e nelle celebrazioni, riunendo persone di tutte le età, condizioni e classi sociali. Essa comprende l'artigianato e la produzione di recipienti tradizionali per il trasporto, la conservazione e il consumo di cibo, tra cui piatti e bicchieri in ceramica" e come tale fa parte della Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO.

Inoltre, 10 imprenditori agricoli tradizionali saranno guidati durante il processo di ottenimento delle etichette ecologiche / certificazioni verdi; i produttori di prodotti tradizionali come il vino, l'olio d'oliva e altri che spianano la strada all'eccellenza nel loro campo saranno sostenuti attraverso Clusters, networking, partenariato transfrontaliero, marketing e promozione.

Pertanto, il progetto TAKE IT SLOW promuoverà la protezione e la promozione del paesaggio, dell'architettura vernacolare, della gastronomia e dello stile di vita attraverso prodotti turistici verdi e lenti, industrie creative, tecnologie ICT e svilupperà strumenti per una risposta tempestiva alle esigenze del mercato turistico.

Adriatic Heritage for Tomorrow

Italy and Croatia have joined forces to protect, manage and valorise rich natural and cultural heritage of the Adriatic coast making it more accessible to tourists, especially in these challenging times.   

ABOUT THE PROJECT   

“Smart and Slow Tourism Supporting Adriatic Heritage for Tomorrow” (TAKE IT SLOW) is a strategic project in tourism of Italy and Croatia designed to manage and promote the Adriatic Region as a green, smart, sustainable, accessible and slow cross-border tourist destination. 

The Adriatic Sea is surrounded by numerous small communities in the islands, coastal and inland rural areas whose lifestyle has remained authentic, in harmony with the environment and based on traditional knowledge and skills.

Therefore, easily applicable micro tourist destination management will be developed to boost local communities in addressing the tourism industry impacts and at the same time protecting and promoting rich natural and cultural heritage.

The core of the project is cross-border partnership of the private, public and scientific sector and joint support to excellence and innovation in the tourism value chain based on smart specialization concept.

The inspiration is taken from the self-sufficient, sustainable, green and smart renaissance Adriatic monastery complexes who thrived in scientific discoveries, food production, trade and art. Such an example is 16th century Blace Hermitage on the island of Brač perfectly fitted in the karst caves and valley with an astronomic centre, extensive library, vineyards, etc. enlisted on the Tentative list of UNESCO World Heritage.

Within the TAKE IT SLOW project, the accessibility to the Blace Hermitage will be improved along with 6 others heritage sites in Croatia and Italy.

Also, 10 cultural and natural heritage sites will be promoted: in the historical-town of Ston (also on the Tentative list of UNESCO World Heritage), Adriatic Heritage Interpretation Centre will be established.

The focus of the interpretation is gastronomy as a sector present in all tourism niches and ideal for presentation of the natural and cultural tangible and intangible heritage.

Moreover, “the Mediterranean diet emphasizes values of hospitality, neighbourliness, intercultural dialogue and creativity, and a way of life guided by respect for diversity. It plays a vital role in cultural spaces, festivals and celebrations, bringing together people of all ages, conditions and social classes. It includes the craftsmanship and production of traditional receptacles for the transport, preservation and consumption of food, including ceramic plates and glasses” and as such is part of the UNESCO’s Representative List of the Intangible Cultural Heritage of Humanity.

In addition, 10 traditional farming entrepreneurs will be guided during the process of obtaining the ecolabels / green certifications; producers of traditional products such as wine, olive oil and others that pave the way of excellence in their field will be supported through concept clusters, networking, cross-border partnership, marketing and promotion.

Therefore, the TAKE IT SLOW project will foster protection and promotion of the landscape, vernacular architecture, gastronomy and lifestyle through green and slow tourism products, creative industries, art and ICT technologies and will develop tools for timely response to the tourism market demands.

Mappa degli spettacoli
Iscriviti alla newsletter OK