CONTATTACI
Italiano English
Rassegne Spettacoli
OCCIDENTAL EXPRESS
tipologia: Prosa
Teatrul de Marionete di Arad (Romania) / Teatro dei Borgia
OCCIDENTAL EXPRESS
di Matei Visniec; musiche di Papaceccio MMC & Cespo Santalucia; scenografie di Nelu Pitic; costumi di Sanda Mitache
con Christian Di Domenico, Carmen Centrone, Cecilia Donat, Robert Pavicsists, Giorgiana, Elena Popan, Raffaele Romita, Stefan Statnic, Lacrimioara Szlanko
regia di GIANPIERO BORGIA

La collaborazione tra Gianpiero Borgia e Matei Visniec è cominciata con Come spiegare la storia del comunismo ai malati di mente, uno spettacolo portato in scena dal Teatro Stabile di Catania da Gianpiero Borgia - cui è valso il Premio Speciale "Sipario" della Associazione Critici Teatrali Italiani per la Regia nel 2010 - ha scritto una nuova opera pensando apposta alla sua trasposizione teatrale da parte del regista pugliese.

Occidental express è un testo che parla con poesia, delicatezza e senso critico della migrazione: pulsione connaturata alla natura umana, eterna e ciclica condizione che riguarda l'intero pianeta, oggi più che mai sotto i nostri occhi.

Un tema di grande attualità e di forte interesse sociale, di cui però viene data una lettura prevalentemente lirica e poetica, secondo la cifra che caratterizza tutta l'opera del drammaturgo rumeno.

La produzione di Occidental Express vede la collaborazione di una ensamble di artisti e produttori provenienti dall'Italia e dalla Romania,  due paesi toccati dalla migrazione nel suo senso più ampio: uno perlopiù fonte di migranti; l'altro, un paese che un tempo è stato origine di emigranti e oggi è essenzialmente una destinazione.

L'opera è composta per quadri che raccontano situazioni piuttosto tipiche (l'attesa, il viaggio clandestino, la frontiera, i centri di accoglienza, la prostituzione, la violenza, e anche dei luoghi comuni di cui siamo vittime sia in Oriente che in Occidente) ed è attraversata dalla metafora del treno Orient Express, metafora duplice e bifronte: del sogno di esotismo per gli occidentali, di quello di un mondo diverso e migliore per tutti coloro che lo vedono andare nell'altra direzione. Un sogno che, l'autore ci suggerisce,  è completamente vacuo e illusorio, frutto più della proiezione dei nostri desideri su un altrove prossimo e malamente conosciuto che di una qualche concretezza.

Il senso profondo che emerge da Occidental Express è quello della universalità dell'istinto alla migrazione, condensato nell'immagine di una fila di uomini di origini diverse che se stanno appollaiati su una recinzione come rondini pronte a partire.

Nella coproduzione di Occidental Express è coinvolta la compagnia Teatrul de marionete di Arad, Romania, specializzata nel teatro di figura. Secondo la loro pluriennale esperienza, gli artigiani della compagnia hanno realizzato delle marionette a dimensione umana come scenografia dello spettacolo: una folla di burattini che rappresenta gli innumerevoli migranti senza nome e volto del nostro tempo.

 

Questo spettacolo è stato prodotto in Puglia grazie al sostegno del P.O. FESR PUGLIA 2007/2013 Asse IV - Linea d'intervento 4.3.2. e 4.1.2.
Mappa degli spettacoli
Iscriviti alla newsletter OK